Goderecci.it

MailingList



Ricevi HTML?

CROSTINI ALLA TOSCANA PDF Stampa E-mail
Ricette - Antipasti
Scritto da Massimiliano   
Domenica 22 Novembre 2009 18:14

CROSTINI ALLA TOSCANA

Ingredienti:
(per un congruo antipasto di 4 persone):
600-700 g di fegatelli di pollo e/o abbacchio e/o coniglio
Sedano (1 o 2 coste)
Aglio (1 spicchio)
Cipolla (1 piccola)
Carote (2 piccole o 1 grande)
Peperoncino piccante (1 di quelli piccolini che si trovano al super confezionati)
Dado di carne (mezzo)
Olio (q.b.)
Vino bianco (q.b.)
Sale: DA NON METTERE!!! Non me lo sono dimenticato!

Preparazione:
In primis scegliete il tipo/i di fegatelli da utilizzare in funzione della truculenza che si vuole ottenere. E’ evidente che il fegatello di pollo è più delicato di quello di abbacchio o di coniglio (io personalmente preferisco quello di pollo).
Fatto ciò pulite i fegatelli di tutte quelle piccole impurità che li accompagnano e metteteli in una casseruola, meglio se antiaderente vista la lunga cottura.
Unite gli odori puliti e fatti a pezzettini nonché l’aglio tutto intero ed il peperoncino.
Versare nella casseruola l’olio (extra vergine di oliva mi raccomando) in quantità tale da consentire una cottura "comoda" ma non un fritto!
Avviare la cottura a fuoco lento con la casseruola coperta.
Durante la cottura aggiungere il mezzo dado di carne.
A metà cottura aggiungere quel tanto di vino bianco necessario ad insaporire il tutto ed a produrre quel tanto di parte liquida necessaria a terminare la cottura.
Quando la consistenza dei fegatelli sarà pressoché azzerata spegnere il fuoco, aspettare che il composto si raffredda, ergo sbattere tutto nel frullatore e, quando l’amalgama sarà tutto della stessa consistenza (più o meno quella di un flan), versare in una ciotola ad uso dei commensali che provvederanno a spalmare il composto su crostini di pane o su fette di pane fresco già predisposte.
Una sola raccomandazione: non preparare prima!!! Otterrete delle fette di pane mollo dall’aspetto poco gradevole e difficilmente manovrabili tra le mani.
Ottimo il connubio con un rosso moderato e fruttato tipo "Chianti" per intenderci.

Massimiliano